Giraffes October 2019

At the bottom of the page a short video to show the work of the team and the participants in the English language theatre workshop of the October 2019 edition at the I.S.I.S. B.E.M. headquarters in Staranzano (Go).

*****

Educational meeting

DSA and socio-emotional paths

(Sala Delbianco – Staranzano, 23.10.2019)

* * * * *

  • Intervention of Dr. Saverio Merzliak (CISI Director)

Institutional networks exist, but they are sometimes too wide. The CISI is working on the personalization of interventions to try to tighten the mesh of the social assistance network, for example through the SIL (the sector for the employment of people with disabilities) the CISI intends to prepare individual paths of social integration after compulsory school or at the age of majority.

We want to try to change the approach of the institution with schools and families, looking for a sharing of assessments in order to define appropriate care pathways for each person. The attempt is therefore to have a common location between the various services to adapt the path. In addition, families with children with special needs are primarily families like others, but in them, however, the dynamics of relationships and situations to be addressed need greater attention … and currently a path with families, there is no support for families, or rather, it exists only thanks to the individual operator, educator, whose availability and expertise is also entrusted to this care of the relationship with the families of the user in charge.

It is necessary to imagine “new”, more creative and attentive services able to observe, to know better each person entrusted to us and to define appropriate and, if possible, more correct individual paths. Certainly we need an adequate regulatory framework for the entire sector, but laws and money are not enough to solve the problems.

As far as economic resources are concerned, Friuli Venezia Giulia is a region that spends a lot of money on social and health care, for example the funding directed to the “autism” sector is enormous.

It would be necessary, however, to open a reflection on the efficiency of spending, putting order in the management of such a rich budget, because while some sectors are suffering, others may not even manage to spend what is allocated annually.

  •  Intervention of Prof. Giulia Bombi (I.s.i.s. Brignoli, Einaudi, Marconi – Gradisca d’Isonzo, Staranzano)

The Institute has almost 800 students. The students with DSA or disabilities are numerous: 102 with DSA, 31 with disabilities. In addition, there are also about twenty foreign students, so the Institute has about 150 students with various specific educational needs. In addition, there are various situations of difficulty due to social discomfort. And even these situations need specific attention, because if you are not well with yourself you obviously do not “go” well even at school.

Currently at BEM there are classes with even 5 or 10 students with DSA. In fact most of the DSA cases, despite their level and intelligence is often above average, are usually addressed to professional schools, such as our agricultural school.

Many students with DSA arrive in high school with a well-defined character and generally with low self-esteem.

The diagnosis must be earlier. Adequate work is also needed not only at school, but also at home. It is not easy and it is not cheap. From experience, the best parents in managing a child with DSA are those who have had/have DSA. However, when, outside of school, the family “isn’t there” or simply can’t adequately deal with the problems of the child with DSA, the children are sick.

Compared to the subjects with DSA lacks the net (or has too wide mesh …) between the competent authorities. Children with DSA then have no right to a support teacher. The network works better with cases of disability. It is necessary to teach these children to use appropriate compensatory methods and/or tools overcoming the reluctance and shame to use them. The best diagnosis is the one that helps to identify the different compensatory tools best suited to the individual boy or child. Teachers should be accompanied to find ways to change their teaching method, trying to adapt it to the educational needs of people with “different” skills.

  • Interventions of Dr. Černic and Dr. Bolzon (Children’s Neuropsychiatry – Healthcare Company No. 2)

Child neuropsychiatry is a territorial service that takes care of children (0-18 years) living in the health district. It is a multidisciplinary team of 14 professionals (1 neuropsychiatrist, some psychologists, physiotherapists, speech therapists), which is activated when a psychopathology emerges or some form of “disorder” is reported, to carry out an “ad hoc” project in favor of each individual.

During 2018, the Service dealt with 1058 minors, naturally with very different situations, from those solved with a consultation to the most complex ones.

Of the total number of cases, 290 were those with disabilities or serious disorders (27%). To define the projects for each child, the Service works in collaboration with schools, social services of municipalities and the CISI. The children with DSA are the responsibility of and are evaluated by Dr. Bolzon, psychologist of the Health Authority.

In 2018 the DSA certifications were 58, in 2019 -today- 70. The Azienda Sanitaria operates through a multidisciplinary assessment that includes neurological, psychological and speech therapy. The psychologist evaluates cognitive and mnemonic skills and makes an overall assessment of reading and writing skills, etc. … Children who are diagnosed usually arrive with a good awareness of their problems.

The Lower Isonzo area has always had a great sensitivity in intercepting discomfort. Over the years the complexity of the isontine society has increased, as well as the “problematic” cases. For example, in the 2-6 years there are this year 55 diagnosed cases of autism…

Law 170/2010 has institutionalized the DSA and related services, but there is a lack of adequate tools to make them fully effective.

The contribution of the Health Authority is mainly diagnostic: it frames the problems that affect each “case” and tries to help define the most correct path, more suitable to overcome the specific problems of each child, informing and involving the various competent subjects (first of all family and school). A last factor that in recent times could be aggravating compared to DSA is the abnormal use of smartphones even by very young children.

  • Intervention of Dr. Haseena Barbana, pedagogical coordinator of the Giraffes Project – School of Peace.

I will not make an academic intervention, although in my life I have read many books and seen many multimedia materials on the subject. I prefer here to tell about my experiences and I will report some of my personal reflections on them.

I have worked a lot with young people who present a combination of learning disorder and socio-emotional disorder, I would say almost emotional suffering and social dislocation.

I am also the mother of two girls with special learning needs and ways of learning, although they are both very intelligent.

Recently I even found out that I too, as a child, had some learning difficulties that I instinctively overcame at quite a high cost to my personality development.

As a mother I spent years looking for help for my daughters.

When I studied to become a support teacher and discovered dyslexia, dyscalculia and attention disorder, I realized what it was all about. At that point the problem arose that the spelling difficulties were present, but were not serious enough to have the diagnosis and therefore the right to compensatory and dispensative tools. There was in them a capacity for logical mathematical thinking higher than average, but a difficulty in performing arithmetic calculations. This, however, could not be attributed to dyscalculia. To what then? Attention disorder? To some lack on the part of the math teacher? Why, despite all the games and repetitions, could not learn the tables? And why, despite the fact that she could not learn the tables, she did not receive the diagnosis of dyscalculia that would have allowed her to use the calculator and therefore to have a sufficient math grade? This was my first conflict with the pathological and discriminating nature of the diagnosis.

As a support teacher in Italy I have always tried to use the diagnosis as an indication of the weak points of the children’s school performance. I then tried to identify with them their strong points, as I had done with myself as a child, to enhance their resources and use them to compensate for their weaknesses. I then tried, as I had tried to do with my daughters, to give them in a compensatory way (for example an audiobook instead of a book) inputs that could reach their mind despite their difficulties in attention, reading, language, special mode of thought, difficulties that I perceived as an almost physical barrier, to be overcome in order to reach the mind. I felt on the right side, I thought I was doing my best.

In Germany, observing and trying to “support” children who had a socio-emotional disorder, I realized that they had a personality type similar to mine when I was a little girl. Every time I walked into a classroom of a general school and observed the classroom atmosphere and the social and learning behavior expected from the boys, I clearly felt that if I grew up in that environment I would end up in a special school for the socio-emotional disorder because of my way of thinking, acting, being, functioning, my need for authenticity, personal definition of the ways and goals of learning, perhaps because of my learning disorder, certainly also because of my need for creativity.

Soon then, while working with colleagues, I realized that all those professional qualities that had earned me the esteem of my colleagues in Italy, in Germany, in the German school environment, were instead counterproductive, seen as “disturbing”: all of a sudden the feedback I received from the environment was highly negative, almost of contempt, in some cases of compassion.

Why am I telling this story? Because it was this negative perception of me that made me pass over to the other side, because in Germany, but perhaps also sometimes in Italy, teachers and students represent two sides placed one in front of the other and it is as if in the classroom there is a challenge on who is more capable… the simple concept of class-management proves it. Having no colleague with whom to exchange opinions and feel supported in my daily battle to make the students reach some goals despite their difficulties, I began to feel solidarity with the students, to feel closer to them.

This has pushed me to have a great empathy towards these guys. I began to see them inside and understand what was going on in their heads, in their souls. They felt this closeness and began to tell their feelings, their emotions, what was going on in their head, when, in case of dyscalculia, they tried to do a calculation, or, in case of dyslexia, they wanted to read and understand a text. They were not ashamed to talk to me about their difficulties, they abandoned the state of resignation, they wanted to improve, they asked for help, they listened more and more. Having reached this point that I had perceived as a success, I clashed with many parents who, like me in the past compared to my daughters, did not want to admit the special needs of their children. Still others preferred to lock them up in the cage of a learning disability diagnosis, make them attend a special school where they received a simplified and reduced teaching, to go out on the job market without a minimum diploma.

Again professional frustration: seeing boys with an IQ from 100 to 139, I have seen many of them in special schools… boys who can’t learn in school books, in a classroom and who, even worse, don’t have the self-confidence and motivation and therefore the strength to explore and look for personal ways to the goals required by the world around them or to make society accept their personal goals and their other path. People who are disturbed, people who are resigned, people who are angry, people who are violent, people who soon start using alcohol and drugs, people who steal. Incapable people. As incapable, little by little, I felt myself, in that environment where everything that I felt as true, valid and important in me, was not reflected positively but rather rejected or denied negativity.

This is how I see the interrelation between DSA and BES. The disorder is not in the person but in the relationship with the human and material environment.

In the person there is emotional and psychic suffering due to the disturbance in communication which is not effective and not satisfactory. In the person there is the social dislocation due to the non-consonance of meaning of life, which develops in the adolescent and then in the young adult, or because of the impossibility of assuming, in the social group of belonging, an active role and recognized by others and at the same time felt as appropriate to their needs and their nature. In the teacher there is frustration, in the group a waste of human resources.

Where to start from to get out of this vicious circle? Do we have to start from a diagnosis to define what the boy can or cannot do? To define skills and therefore disabilities? To compensate from the outside a difficulty ? The diagnosis is certainly necessary to be able to place the child in our academic/normodirected system.

But how to avoid the sense of fatigue and inadequacy ? Low self-esteem ? How to avoid the perception of disability and make it become communication with Altrability ? I wondered, looking at myself: how can it be that a person, who has been capable for so many years, suddenly becomes incapable? And how is it possible that a person considered so far by all the adults in the environment around him/her to be seriously incapable, suddenly becomes capable, very capable?

That a child with a diagnosed IQ of 78 – actually with attention disorder and dyslexia – can win the treasure hunt – organized by me with dyslexia material – in the library? That a boy considered “severely handicapped” in learning because of his very serious attention disorder, suddenly read whole books, do math exercises correctly and quickly, want to go to university and therefore want at all costs to leave the special school?

What does our being, or rather our feeling of being able to do so, depend on?

It depends, in my opinion, on practical-cognitive factors and at the same time on socio-emotional factors. On the possibility of reaching goals that we feel are valid by ourselves and at the same time by the human, material and, I dare say, natural environment around us. And at the same time from the possibility of being able to reach these goals with our own strength, using our own brain and expressing our soul for what it is, without having to change it, force it, distort it.

In fondo alla pagina un breve video per mostrare il lavoro del team e dei partecipanti al workshop teatrale in lingua inglese dell’Edizione Ottobre 2019 presso l’I.S.I.S. B.E.M. sede di Staranzano (Go).

***

DOCUMENTI EDIZIONE OTTOBRE 2019 : 

Incontro formativo 

DSA e percorsi socio-emozionali 

(Sala Delbianco – Staranzano, 23.10.2019)

* * * * *

• Intervento del dott. Saverio Merzliak (Direttore CISI)

Le reti istituzionali esistono, ma hanno maglie a volte troppo larghe. Il CISI sta lavorando sulla personalizzazione degli interventi per cercare di stringere le maglie della rete socio-assistenziale, Ad esempio tramite il SIL (il settore per l’inserimento lavorativo di persone con disabilità) il Cisi intende preparare percorsi individuali di inserimento sociale dopo la scuola dell’obbligo o alla maggiore età.

Si vuole provare a modificare l’approccio dell’Ente con le scuole e le famiglie, ricercando una condivisione delle valutazioni in modo da definire percorsi di assistenza adeguati per ogni persona. Il tentativo quindi è quello di avere una sede comune tra i vari servizi per adeguare il percorso. Inoltre le famiglie con figli con bisogni speciali sono innanzitutto famiglie come le altre, in esse però le dinamiche dei rapporti e le situazioni da affrontare hanno bisogno di un’attenzione maggiore… e attualmente un percorso con le famiglie, un supporto alle famiglie non c’è; o meglio, esiste solo grazie al singolo operatore, educatore, alla cui disponibilità e competenza è affidato anche questa cura del rapporto con i famigliari dell’utente in carico.

Serve immaginare servizi “nuovi”, più creativi e attenti in grado di osservare, conoscere meglio ogni persona affidataci e di definire percorsi individuali adeguati e, se possibile, più corretti. Certamente serve un assetto normativo adeguato per l’intero settore, ma le leggi e i soldi non sono sufficienti a risolvere i problemi.

Per quanto riguarda le risorse economiche, il Friuli Venezia Giulia è una regione che spende moltissimo nel sociale e nella sanità, ad esempio i finanziamenti indirizzati al settore “autismo” sono enormi.

Bisognerebbe però aprire una riflessione sull’efficienza della spesa, mettendo ordine nella gestione di un budget così ricco, perché mentre alcuni settori sono in sofferenza, altri magari non riescono nemmeno a spendere quanto stanziato annualmente.

• Intervento della prof.ssa Giulia Bombi (I.s.i.s. Brignoli, Einaudi, Marconi – Gradisca d’Isonzo, Staranzano)

L’Istituto ha quasi 800 studenti. Gli allievi con DSA o disabilità sono numerosi: 102 con DSA, 31 con disabilità. Inoltre ci sono anche una ventina di studenti stranieri, per cui l’Istituto si trova a far fronte a circa 150 ragazzi/e con vari bisogni educativi specifici. Inoltre ci sono varie situazioni di difficoltà a causa di disagio sociale. E anche queste situazioni necessitano di attenzione specifica, perché se non stai bene con te stesso ovviamente non “vai” bene neanche a scuola.

Attualmente al BEM ci sono classi con anche 5 o 10 allievi con DSA. Infatti la maggior parte dei casi DSA, nonostante il loro livello e di intelligenza spesso sia superiore alla media, viene di solito indirizzata a scuole di tipo professionale, come il nostro istituto agrario.

Molti ragazzi con DSA arrivano alle superiori con un carattere già ben definito e in genere con bassa autostima.

La diagnosi dev’essere più precoce. Serve inoltre un lavoro adeguato non solo a scuola, ma anche a casa. Non è semplice e non è economico. Per esperienza, i genitori migliori nella gestione di un figlio con DSA sono quelli che a propria volta hanno avuto/hanno DSA. Quando però, al di fuori della scuola, la famiglia “non c’è” o semplicemente non è in grado di affrontare adeguatamente le problematiche del ragazzo/a con DSA, i ragazzi stanno male.

Rispetto ai soggetti con DSA manca la rete (o ha maglie troppo larghe…) tra gli Enti competenti. I ragazzi con DSA poi non hanno diritto a un insegnante di sostegno. La rete funziona meglio con i casi di disabilità.Serve insegnare a questi ragazzi ad usare metodi e/o strumenti compensativi adeguati superando la ritrosia e la vergogna ad utilizzarli. La migliore diagnosi è quella che aiuta a individuare i diversi strumenti compensativi più adatti al singolo ragazzo o bambino. Gli insegnanti dovrebbero venir accompagnati alla ricerca di modalità per modificare il proprio metodo di insegnamento, cercando di adattarlo alle necessità educative delle persone con “diversa” abilità.

• Interventi del dott. Černic e della dott.ssa Bolzon (Neuropsichiatria infantile – Azienda Sanitaria n. 2)

La neuropsichiatria infantile è un servizio territoriale che si occupa dei minori (0-18 anni) che risiedono nel distretto sanitario. E’ un equipe multidisciplinare di 14 professionisti (1 neuropsichiatra, alcuni psicologi, fisioterapisti, logopedista), che si attiva quando emerge una psicopatologia o viene segnalata una qualche forma di “disturbo”, per realizzare un progetto “ad hoc” a favore di ogni singolo individuo.

Nell’arco del 2018 il Servizio si è occupato di 1058 minori, naturalmente con situazioni molto diverse tra loro, da quelle risolte con una consulenza fino a quelle più complesse.

Sul totale dei casi, 290 sono stati quelli con disabilità o disturbi gravi (il 27%). Per definire i progetti per ciascun minore il Servizio opera in collaborazione con le scuole, iservizi sociali dei Comuni e il CISI. I ragazzi con DSA sono di competenza della e vengono valutati dalla Dott.ssa Bolzon, psicologa dell’Azienda Sanitaria.

Nel 2018 le certificazioni DSA sono state 58, nel 2019 -ad oggi- 70. L’Azienda Sanitaria opera attraverso una valutazione multidisciplinare che comprende l’esame neurologico, psicologico e logopedico. Dalla psicologa vengono valute le capacità cognitive, mnemoniche e viene fatta una valutazione complessiva rispetto alle capacità di lettura e scrittura, ecc… I bambini sottoposti a diagnosi arrivano di solito già con una buona consapevolezza delle proprie problematiche.

Il territorio del Basso Isontino ha sempre avuto una grossa sensibilità nell’intercettare il disagio. Negli anni è aumentata la complessità della società isontina e pure dei casi “problematici”. Per esempio nella fascia 2-6 anni ci sono quest’anno 55 casi diagnosticati di autismo…

La Legge 170/2010 ha istituzionalizzato i DSA e i servizi relativi, ma mancano strumenti adeguati per renderli pienamente efficaci.

Il contributo dell’Azienda Sanitaria è di tipo principalmente diagnostico: inquadra i problemi che riguardano ogni “caso” e cerca di aiutare a definire il percorso più corretto, più adatto a superare i problemi specifici di ogni singolo minore, informando e coinvolgendo i vari soggetti competenti (in primis famiglia e scuola).Un ultimo fattore che negli ultimi tempi potrebbe essere aggravante rispetto ai DSA è l’uso abnorme degli smartphone anche da parte di bambini molto piccoli.

• Intervento della dott.ssa Haseena Barbana, coordinatrice pedagogica del Progetto Giraffes – School of Peace.

Non farò un intervento accademico, nonostante nella mia vita abbia letto molti libri e visto molti materiali multimediali sull’argomento. Preferisco in questa sede raccontare delle mie esperienze e riporterò alcune mie personali riflessioni personali su di esse.

Ho lavorato molto con ragazzi che presentano una combinazione di disturbo d’apprendimento e disturbo socio-emotivo, io direi quasi sofferenza emotiva e dislocazione sociale.

Sono inoltre madre di due ragazze con bisogni e modalità speciali di apprendimento, pur essendo entrambe molto intelligenti.

Di recente ho addirittura scoperto che anch‘io, da piccola, avevo qualche difficoltà d’apprendimento che ho superato in modo istintivo a costi piuttosto alti per lo sviluppo della mia personalità.

Come madre ho speso anni cercando aiuto per le mie figlie.

Quando poi, studiando per diventare insegnante di sostegno, ho scoperto la dislessia, la discalculia e il disturbo dell’attenzione, ho capito di cosa si trattava. A quel punto si presentò il problema che le difficoltà ortografiche erano sì presenti, ma non erano sufficientemente gravi per avere la diagnosi e quindi il diritto agli strumenti compensativi e dispensativi. C‘era in loro una capacità di pensiero logico matematico più alto della media, ma una difficoltà ad eseguire i calcoli aritmetici. Questo però non si poteva attribuire a discalculia. A che cosa allora? Al disturbo dell’attenzione? A qualche mancanza da parte dell’insegnante di matematica? Perché, nonostante tutti i giochi e le ripetizioni, non riusciva ad imparare le tabelline? E perché nonostante non potesse imparare le tabelline, non riceveva la diagnosi di discalculia che le avrebbe permesso di poter usare la calcolatrice e quindi riuscire ad avere un voto sufficiente di matematica?Questo è stato il mio primo conflitto con la natura patologizzante e discriminante della diagnosi.

Come insegnante di sostegno in Italia ho sempre cercato di usare la diagnosi come indicazione dei punti deboli delle prestazioni scolastiche dei ragazzi. Ho cercato poi di individuare insieme a loro i loro punti forti, come avevo fatto con me stessa da piccola, per valorizzare le loro risorse e utilizzarle per compensare i loro punti deboli. Ho cercato poi, come avevo provato a fare con le mie figlie, di dare loro in modo compensativo (ad esempio un audiolibro invece di un libro) input che potessero arrivare alla loro mente nonostante le loro difficoltà di attenzione, di lettura, di linguaggio, di modalità speciale di pensiero, difficoltà che io percepivo come una barriera quasi fisica, da superare per arrivare alla mente. Mi sentivo dalla parte del giusto, credevo di fare il massimo.

In Germania osservando e cercando di “sostenere” i ragazzini che presentavano un disturbo socio-emotivo mi sono accorta che presentavano una tipologia di personalità simile alla mia da ragazzina. Ogni volta che entravo in una classe di una scuola generale e osservavo l’atmosfera della classe e il comportamento sociale e d’apprendimento che ci si aspettava dai ragazzi, sentivo chiaramente che se io fossi cresciuta in quell’ambiente sarei finita in una scuola speciale per il disturbo socio- emotivo a causa del mio modo di pensare, di agire, di essere, di funzionare, per il mio bisogno di autenticità, di definizione personale delle vie e degli obbiettivi d’apprendimento, forse a causa del mio disturbo d’apprendimento, sicuramente anche per il mio bisogno di creatività.

Ben presto poi nel lavorare con i colleghi mi sono resa conto che tutte quelle qualità professionali che in Italia mi avevano fatto guadagnare la stima dei miei colleghi, in Germania, nell’ambiente scolastico tedesco, erano invece controproducenti, viste come “disturbanti”: a un tratto il feedback che mi veniva restituito dall‘ambiente era altamente negativo, quasi di disprezzo, in qualche caso di compassione.

Perché racconto questo? Perché è stata questa percezione negativa di me che mi ha fatto passare dall’altra parte, perché in Germania, ma forse talvolta anche in Italia, gli insegnanti e gli alunni rappresentano due schieramenti posti uno di fronte all’altro ed è come se in classe si giocasse una sfida su chi è più capace… il semplice concetto di class-management lo dimostra. Non avendo nessun/nessuna collega con cui scambiare opinioni e sentirmi sostenuta nella mia battaglia quotidiana per far raggiungere ai ragazzi alcuni obbiettivi nonostante le loro difficoltà, ho cominciato a sentirmi solidale con gli alunni, a sentirli più vicini.

Questo mi ha spinto ad avere una grande empatia verso questi ragazzi. Ho cominciato a vederli dentro e a capire che cosa succedeva loro nella testa, nell’anima. Loro sentivano questa vicinanza e hanno cominciato a raccontare le loro sensazioni, le loro emozioni, cosa succedeva loro nella testa, quando, in caso di discalculia, cercavano di fare un calcolo, o , in caso di dislessia, volevano leggere e comprendere un testo. Non si vergognavano di parlare con me delle loro difficoltà, abbandonavano lo stato di rassegnazione, avevano voglia di migliorare, chiedevano aiuto, ascoltavano di più inclasse. Arrivata a questo punto che avevo percepito come un successo, mi sono scontrata con tanti genitori che, come me in passato rispetto alle mie figlie, non volevano ammettere i bisogni particolari dei loro figli. Altri ancora preferivano rinchiuderli nella gabbia di una diagnosi di handicap di apprendimento, far frequentare loro una scuola speciale dove ricevevano un insegnamento semplificato e ridotto, per uscire sul mercato del lavoro senza diploma minimo.

Di nuovo frustrazione professionale: vedere ragazzi con un QI dai 100 ai 139, ne ho visti tanti nelle scuole speciali… ragazzi che non riescono a imparare sui libri di scuola, in un’aula scolastica e che, ancor peggio, non hanno la sicurezza di sé e la motivazione e quindi la forza per esplorare e cercare vie personali agli obbiettivi richiesti dal mondo che hanno intorno o per far accettare alla società i loro obbiettivi personali e il loro percorso altro. Persone disturbate, persone rassegnate, persone arrabbiate, persone violente, persone che cominciano presto a far uso di alcool e droghe, persone che rubano. Persone incapaci. Come incapace, pian piano, mi sono sentita io, in quell’ambiente dove tutto quello che io sentivo come vero, valido e importante in me, non veniva rispecchiato positivamente ma anzi rifiutato o tacciato dì negatività.

Ecco come vedo l’interrelazione tra DSA e BES. Essi sono l‘uno rispetto all’altro allo stesso tempo conseguenza e concausa.Il disturbo non è nella persona ma nella relazione con l‘ ambiente umano e materiale.

Nella persona c’è la sofferenza emozionale e psichica a causa del disturbo nella comunicazione che risulta non efficace e non soddisfacente. Nella persona c’è la dislocazione sociale a causa della non consonanza di senso di vita, che si sviluppa nell’adolescente e poi nel giovane adulto, ovvero a causa dell’impossibilità di assumere, nel gruppo sociale di appartenenza, un ruolo attivo e riconosciuto dagli altri e allo stesso tempo sentito come consono ai propri bisogni e alla propria natura. Nell’insegnante c‘è la frustrazione, nel gruppo uno lo spreco di risorse umane.

Da dove partire per uscire da questo circolo vizioso? Dobbiamo partire da una diagnosi per definire quello che il ragazzo può fare o non può fare? Per definire abilità e quindi disabilità? Per compensare dall’esterno una difficoltà ? La diagnosi è certamente necessaria per poter collocare il ragazzo nel nostro sistema accademico/normodirezionato.

Ma come evitare il senso di fatica e di inadeguatezza? La bassa autostima? Come evitare la percezione di disabilità e farla diventare comunicazione con l’Altrabilità? Mi chiedevo, guardando me stessa: come può essere che una persona, che per tanti anni è stata capace, diventi tutto a un tratto incapace? E come è possibile che una persona ritenuta fin ora da tutti gli adulti dell’ambiente intorno a sè gravemente incapace, diventi a un tratto capace, molto capace?

Che un ragazzino con un QI diagnosticato 78- in realtà con disturbo d attenzione e dislessia- possa vincere la caccia al tesoro- organizzata da me con materiale adatto alla dislessia – in biblioteca? Che un ragazzo considerato “gravemente handicappato” nell’apprendimento a causa del suo gravissimo disturbo dell’attenzione, improvvisamente si metta a leggere libri interi, eseguire esercizi di matematica in modo corretto e velocissimo, abbia voglia di andare all’università e per questo voglia a tutti i costi lasciar la scuola speciale?

Da cosa dipende il nostro essere o meglio il nostro sentirci abili?

Dipende, secondo me, da fattori pratico-cognitivi e allo stesso tempo da fattori socio-emozionali. Dalla possibilità di raggiungere obbiettivi sentiti come validi da noi stessi e allo stesso tempo dall’ambiente umano, materiale e, oserei dire, naturale, intorno a noi. E allo stesso tempo dalla possibilità di poter raggiungere questi obbiettivi con le proprie forze, usando il proprio cervello ed esprimendo la propria anima per quello che è, senza doverla cambiare, costringere, snaturare.

Negli anni in Germania, man mano che la mia empatia verso i ragazzi aumentava e il mio senso di saper tanto diventava un senso di non saper ancora niente, ho sviluppato,all’inizio intuitivamente, poi sempre più sistematicamente, una modalità di lavoro in classe e di interazione con i ragazzi che in tedesco ho definito Klp-Kommunikatives Lernpotential – in italiano potenziale comunicativo di apprendimento.

In che cosa consiste per me il potenziale comunicativo di apprendimento?

Sostanzialmente nella creazione, nel gruppo che si dedica all‘apprendimento, di un ambiente umano e materiale che permetta la comunicazione efficace e naturale tra tutti i presenti realmente e virtualmente – per esempio la famiglia è virtualmente sempre presente nel mondo interiore del ragazzo-.

Innanzitutto in modo pratico/esteriore, quindi nei materiali e nell’ambiente organizzato a dimensione cognitivamente e razionalmente strutturata ma allo stesso tempo duttile alla variazione soggettiva e creativa, materiale molto spesso copreparato assieme ai ragazzi.

In pochi minuti di meditazione al giorno che allenano il ragazzo ad ascoltare se stesso- il silenzio montessoriano. In momenti di apprendimento uno a uno, insegnante/ alunno. In lavori di gruppo semistrutturati. In ore di lavoro libero- in senso montessoriano.

Ma soprattutto tanto ascolto interiore e fiducia, da parte dell’insegnante di classe e del genitore, nella possibilità del ragazzo di raggiungere i suoi obbiettivi. E in una autentica disciplina interiore da parte dell’insegnante.

Perché credo che per accompagnare un ragazzo con Altrabilità nel suo processo di apprendimento sia necessario crescere e apprendere assieme a lui/ lei.

Sono sicura che ci voglia quindi molta attenzione a se stessi , come insegnanti e genitori il capire e sentire chi siamo, come impariamo e come viviamo per poter capire gli altri , gli alunni, i figli; ma soprattutto ci vuole umiltà, capacità di sospensione dall’identificazione con ciò che ci sembra essere o dovrebbe essere- e quindi capacità di utilizzare in modo relativo la diagnosi, per poter essere capaci di ascoltare e pronti a individuare in qualsiasi momento essa si presenti una nuova risorsa, una modalità non prevista.

Ci vuole capacità contemplativa per poter lasciar essere i nostri alunni e percepire quello che questi esseri umani sono al di là dei nostri schemi mentali, delle aspettativi intellettuali e sociali strutturatesi culturalmente e storicamente nel nostro gruppo sociale d’apparenza.

E quindi coraggio e fiducia in se stessi e nei nostri ragazzi per accompagnarli, col nostro limitato sapere, su strade nuove, che possiamo scoprire e inventare insieme .

Il concetto di Altrabilità è un derivato della constatazione delle innumerevoli possibilità di percezione di cui è dotato l’essere umano e dalla coscienza che questa percezione ha un centro percettivo che è mobile. Nessuno di noi possiede la verità. Tutti ci nuotiamodentro e contemporaneamente la portiamo in noi. Ognuno di noi nei diversi momenti della sua vita vede, sente, in generale percepisce ed esperisce, questa verità in modo parziale, definito dalla collocazione del punto di percezione e dal buon funzionamento dei canali di conduzione dei messaggi che provengono dagli organi percettivi. Quello che ogni membro del gruppo percepisce ed esperisce è importante e vero, anche se parziale.

La qualità e quindi il potenziale di apprendimento dipende quindi dalla qualità della comunicazione tra gli esseri umani che costituiscono il gruppo sociale in cui avviene l’apprendimento, la quale è interrelata con la qualità della comunicazione di ogni membro del gruppo con la sua parte più profonda e vera.

(riflessioni tratte dal saggio “Vie Maieutiche” di H. Barbana)

Leave a Comment